Il Dirigente come Ponzio Pilato…… “Si lava le mani”

1Il gesto compiuto dal Console Ponzio Pilato più di 2000 anni fà, oggi come potrebbe essere “raffigurato” e , in quale circostanza? Ai giorni nostri è facile sentire: “chi si assume la responsabilità” oppure “ lo metta per iscritto”, frasi adottate nella quasi totalità dei casi per individuare un RESPONSABILE . Contrariamente, il nuovo Dirigente ai Lavori Pubblici , Mandrile, in un atto Amministrativo, dichiara per iscritto, di non assumersi “NESSUNA” responsabilità. Per comprendere la gravità del fatto è opportuno fare una premessa. Nel programma elettorale del candidato sindaco Sbrocca, nella parte riguardante la cultura, si legge: “verranno individuate sedi per esposizioni PERMANENTI come, ad esempio, quella del Premio Termoli ”. Cercando di ottemperare alle promesse fatte, l’Amministrazione SBROCCA ha richiesto come sede per l’esposizione del Premio Termoli un appendice della struttura di via Cina, la sala Polivalente. Nell’atto Amministrativo “preso atto e vi prescrivo” a firma del Dirigente Mandrile non si evince se la struttura è a NORMA, tant’è che le prescrizioni contenute sono maggiori dei documenti menzionati. Domanda: la struttura è agibile? Il certificato prevenzione incendi è stato acquisito? La struttura è stata accatastata? Le disposizioni contenute nel D.lgs 81/08 sono state attuate? Pur non conoscendo le risposte, leggere “nessuna responsabilità potrà essere addebitata al firmatario” non è incoraggiante. E’ palese che il Dirigente Mandrile la responsabilità la riversa sul sindaco SBROCCA, sul Dirigente VECCHIARELLI (evidenziato in rosso) e sul dott. MACCHIAGODENA (staff). Sembra dirgli “Io mi lavo le mani” “Voi fate come volete”.Una delle prescrizioni è : non potranno sostare nella sala più di 25 persone compresi gli organizzatori. Presumo che all’ inaugurazione qualche consigliere resterà FUORI.
P.S. Siamo oltre il fondo.

Ciro Stoico

Il Dirigente come Ponzio Pilato…… “Si lava le mani”ultima modifica: 2015-11-30T08:11:16+01:00da ereticus3
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento