IL DIALETTO

1724508694.jpgIl nostro linguaggio evita le sfumature, rifugge dalle delicatezze, ha forme semplici ed espressive, manca di molte voci verbali.

Quasi tutte le parole vengono accorciate dall’apocope.

La pronunzia è un pò dura, però affettuoso e sorridente il volto di chi vi parla.

Ha sulle spalle il peso di una storia faticosa.

La dizione, derivante certamente dal basso latino medioevale, risente successive dominazioni di francesi e spagnoli.

Provatevi a tradurre in termolese la frase VUOI VENIRE “vù menì”, e chi oserebbe dirla all’ombra di una siepe in fiore?

Chi ha mai provato a coniugare il verbo venire?

Se qualcuno dicesse ad una ragazza di Piazza Garibaldi o di via Mascilongo (vù menì) verrebbe preso per un forestiero o, se inteso, inseguito da sguardo cattivo.

Un breve saggio del dialetto termolese può aversi dai versi di Giuseppe Perrotta:

 

A MODE DI FEMMENE

 

Ch’a femmene de mo è scandalose

l’ha predicate ‘u prevete ‘na sere,

pecchè o è fridde, o è primavere,

va mezza nude e mostre tutte cose.

 

Ma ‘u prevete a gà turte, e dic’ u vere

che sta mode pe l’ome è vantaggiose:

che nu metre de rrobbe veste ‘a spose

e prime ce veleve ‘a pezze ‘ntere.

 

E più ‘a gatte n’accatte cchiù ndu sacche:

che da femmene mo più vedè ‘i pecche

da cime di capille a’ nin’ i tacche.

 

Ne je po capetà che dint’u litte

Mbece che grasse, troc’a mojja secche,

che nu matone che je fa da pitte.

IL DIALETTOultima modifica: 2008-08-29T17:43:08+02:00da ereticus3
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “IL DIALETTO

Lascia un commento