I TRABUCCHI

19cb15af509c8d406052469c8c9aa903.jpgQuesti strani congegni da pesca composti da pali contorti sembrano inverosimili insetti, incroci fantastici di specie diverse: Hanno la grazia aerea delle libellule, l’equilibrio del fenicottero, i lenti movimenti dell’aragosta. La prevalenza dei vuoti sui pieni consente ad eludere gli approcci violenti dell’acqua e dell’aria, così come ha consentito alle cattedrali gotiche la sopravvivenza nei secoli. Il trabucco segna la transizione tra due mondi e due culture: il contadino e il pescatore, la terra e il mare. Chi li ha inventati non era ancora marinaio, ma non era più un contadino.
I TRABUCCHIultima modifica: 2008-07-09T18:45:00+02:00da ereticus3
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento