Urbi Smart Pa Digitale e la …………Lamborghini.

11220850_942543575827786_2873620655706352442_nIl nuovo software URBI SMART, fornito dalla Pa Diditale di Lodi, voluto dalla Amministrazione Sbrocca, non “corre”, tecnicamente non “gira”. Lungo i corridoi del palazzo di città si sente: “me lo fai usare” “ posso inserire la tua” “il mio non funziona” “posso venire da te” “vieni da me” ecc. Nulla di scandaloso, le frasi si riferiscono al computer e alle password. Molti Settori sono praticamente fermi ed altri devono inserire i dati MANUALMENTE. Scandalosa la Determinazione N.R.G 1427 del 19.10.2015 del Segretario Generale dove si legge: “attualmente non tutte le funzioni e gli automatismi sono stati perfezionati, pertanto, mensilmente l’ufficio del personale provvede a inserire manualmente, per ciascun dipendente, le singole voci accessorie”. E’ quasi un anno che è stato adottato questo programma, costo annuo 40.000 mila euro(raddoppiato), non funziona, vengono inseriti i dati MANUALMENTE, e pure SBAGLIATI. Non avendo la capacità di valutare questo programma, ho chiesto ad un funzionario del comune chiarimenti. Lui molto gentile e per farmi comprendere il valore di questo programma mi ha fatto un paragone: questo programma è come avere una Lamborghini. La Lamborghini è una macchina di lusso,un costo elevato, ha bisogno di un circuito da corsa per esprimere le sue potenzialità , consuma tanto e poco incline al lavoro . Sindaco avv. Angelo Sbrocca non era meglio una Pandarella 4×4 ?. In realtà la situazione è GRAVISSIMA , ad oggi la Struttura Tecnica del comune ha grosse difficoltà ad espletare i propri compiti istituzionali a TOTALE discapito della collettività. Ma considerato che al peggio non c’è mai fine sembrerebbe che alcuni uffici comunali per poter utilizzare la “lamborghini” si siano dotati di una connessione super veloce, una sorta di autostrada, al costo di centinaia di euro. Chi paga?

Ciro Stoico.

Urbi Smart Pa Digitale e la …………Lamborghini.ultima modifica: 2015-10-24T08:04:54+02:00da ereticus3
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento