Il dott. Marcello Vecchiarelli è uno……..BRAVO!!!!

1Provate ad immaginarvi di trovarvi in una condizione di difficoltà economica, per molti di noi è vita quotidiana, e vi arriva a casa una comunicazione del comune. Le è stata assegnata una borsa lavoro inerente il bando “I deserve a job”. Ognuno di noi avrebbe gioito, pur consapevole che i lavori socialmente utili hanno una matrice essenzialmente assistenziale 2e difficilmente consentono il reinserimento nel mondo del lavoro. Successivamente lo stesso comune ti comunica che a seguito di un errore (non conosco la causa) non hai più diritto alla borsa lavoro (progetti infranti) in quanto la stessa deve essere assegnato al signore V.N.P che con una nota ha legittimamente fatto ricorso. Fino a questo momento, due sono le vittime, la prima, gli è stata concessa erroneamente una borsa lavoro, la seconda, SOLO Grazie ad un ricorso gli è stato riconosciuto un DIRITTO. Il bando “I deserve a job” prevedeva 40 borse lavoro ripartite in fasce d’età e nella fascia di età compresa tra i 18 e i 29 anni, dove sono inseriti i nostri protagonisti, sono state assegnate 10 borse lavoro. Successivamente sono state assegnate ulteriori 6 borse . Per attribuire le ulteriori 6 borse di lavoro era SEMPLICEMENTE sufficiente prendere i nominati dal 11° al 16° della graduatoria già stilata e RETTIFICATA dal comune di Termoli. Secondo questo semplice ragionamento è facile intuire che i due nominativi, la sig.ra G.C. e il signor V.N.P sono in ordine di graduatoria 16° E 17° . Ma dopo averla consultata (vedi allegato) e con vero stupore, ho potuto constatare che la sig.ra G.C è 29° e il sig.re V.N.P. che ha fatto ricorso è 26° nella Graduatoria redatta . Dopo quanto sopra descritto quanti sono le VITTIME di questa vicenda???.

P.S. Volutamente ho omesso i nomi e i cognomi contenuti nella graduatoria per rispetto di nostri cittadini che vivono una condizione di disagio.

Ciro Stoico.

Il dott. Marcello Vecchiarelli è uno……..BRAVO!!!!ultima modifica: 2015-10-19T17:30:17+02:00da ereticus3
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento