Economia, Anita Di Giuseppe (IdV): compensazione crediti debiti da estendere a tutte le regioni

Di Giuseppe.jpgROMA – “Nonostante le durissime manovre economiche alle quali è stato sottoposto il nostro Paese da parte del Governo Monti, la situazione generale stenta a migliorare e  tende ancora al peggioramento perché risente  delle incertezze causate dalla crisi greca.

In questo scenario, le imprese ed i lavoratori devono fare i conti con i crediti vantati verso le amministrazioni pubbliche, da sempre ostiche nel pagare il dovuto; anche per questo era stata accolta favorevolmente la volontà del Governo di impegnarsi per la certificazione dei crediti nei confronti delle amministrazioni pubbliche, purtroppo però è rimasta solo la volontà”,. – cosi il deputato molisano Anita Di Giuseppe -. “Sebbene gli interventi previsti dovrebbero garantire maggiore liquidità alle imprese disagiate che, come è noto sono principalmente imprese meridionali, nei decreti vengono escluse dal beneficio le imprese che operano in comuni o province commissariati o in Regioni che siano interessate al Piano di rientro dal deficit della sanità; tra le Regioni commissariate rientra proprio il nostro Molise,che vede così  aggravarsi la propria situazione economica.  Come se ne dovrebbe uscire secondo il Governo se da un lato viene imposto il recupero dei debiti accumulati nel comparto sanità e dall’altro si viene esclusi dalle agevolazioni previste nel decreto? Proprio con l’intenzione di eliminare questa evidente situazione di disparità fra regioni sul piano del risanamento economico, noi dell’Italia dei Valori abbiamo presentato un’interrogazione parlamentare al Ministro dell’economia,  è nostra ferma intenzione , infatti, difendere i principi di eguaglianza di tutti i cittadini italiani; i molisani non devono pagare gli errori commessi dall’ex governatore Iorio”, – conclude l’On. Di Giuseppe-.

 

Economia, Anita Di Giuseppe (IdV): compensazione crediti debiti da estendere a tutte le regioniultima modifica: 2012-05-31T17:06:00+02:00da ereticus3
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento