Terrorismo buono e terrorismo cattivo

 stragi israeliane.jpgPrendiamo lo spunto dall’uccisione a Tolone di due ragazzini ebrei e di un rabbino da parte di un mussulmano e consideriamo i commenti dei media nostrani ed internazionali per giungere ad un giudizio critico che speriamo obbiettivo sulla questione.

 

Premettiamo che non legittimiamo nessun terrorismo, da qualsiasi parte venga, né privato, né di stato, perché è una forma di lotta sleale che si abbatte quasi sempre su soggetti personalmente incolpevoli delle cause che il terrorismo ha provocato anche se riusciamo a capire come un popolo che è in evidente stato d’inferiorità militare e subisce gravissimi torti, oppressione ed un sistematico genocidio, alla fine non abbia altri mezzi per farsi sentire dal nemico e dal mondo che questo sistema feroce e disumano. Sull’onda emotiva dell’avvenimento francese si è scatenata, sui media Europei e mondiali, una campagna di condanna del “terrorismo mussulmano” con addirittura richieste di espulsione di tutti gli arabi dal territorio francese. Ma come mai queste ottime persone non spendono un atomo della loro “pietas” quando Israele fa strage e terrore in Palestina, a Gaza e nei territori occupati, quando brucia indiscriminatamente intere popolazioni con le bombe al fosforo o quando chiama “effetti collaterali” gli assassinii dei bambini Palestinesi? Noi capiamo, anche se non approviamo, che se uno fosse un Palestinese che avesse subito ciò che i Palestinesi hanno dovuto subire su iniziativa e per colpa degli ebrei Israeliani e sionisti avrebbe una voglia matta di uccidere degli ebrei ovunque e comunque per vendicare ( ricordate la bibbia? “occhio per occhio..” ) i suoi fratelli trucidati..!! E’ ora di piantarla con “il popolo prediletto da Dio” con cui essi giustificano tutte le loro malefatte! Per secoli, sino a quando non hanno cominciato in Palestina a prevaricare, rubare, uccidere e scacciare, gli ebrei avevano potuto vivere per secoli in pace ed in armonia con gli arabi mussulmani che da migliaia di anni erano in quelle terre che erano le loro terre …. e questo dimostra chi sono i veri terroristi..!! Basti per tutti l’esempio della Spagna moresca che durò 900 anni con cristiani, ebrei e mussulmani che vivevano e prosperavano in armonia..!! Basti pensare alla Sicilia di Federico II° ! Basti pensare al medio oriente sino a prima della comparsa del sionismo.! Poi qualcuno ha riesumato, da un libraccio razzista, supponente e pieno di odio scritto circa 3.300 anni fa da un popolo di pastori ignorante ed incivile e che si chiama Bibbia il pretesto assurdo per stabilire che la Palestina era “la terra promessa da Dio agli ebrei” e che quindi anche oggi il loro diritto su tale terra era “diritto divino” che sovrastava quello storico, legittimo e reale di coloro che quelle terra abitavano da decine e decine di secoli! Facciamo presente che la giustificazione dell’assegnazione di parte della Palestina agli ebrei da parte dell’ONU NON ha alcuna legittimità dato che l’ONU non aveva podestà alcuna sulla Palestina stessa. E’ un po’ come se io regalassi a Giovanni l’appartamento di proprietà di Mario dove egli abita da sempre …!!! Ricordiamo inoltre che la storia recente della lotta sionista per la conquista della Palestina è piena di terrorismo ebraico e che l’Irgun e l’Aganà non erano certo associazioni bocciofile, ma terroristi che facevano saltare inglesi ed arabi con bombe e che uccidevano in agguati con raffiche di mitra e bombe a mano. Ma naturalmente quelli erano terroristi buoni ed avevano l’approvazione di Gehova, degli USA e di un occidente chino a piangere sulla “Shoa” la cui eventuale colpa non era però dei Palestinesi che non c’entravano nulla! A coloro poi che condannano la predicazione degli Imam in Europa diciamo: prima di vedere cosa succede nei centri di culto islamici, vadano a vedere cosa predicano i rabbini oltranzisti nelle sinagoghe di Israele e degli USA..!!

  Alessandro Mezzano

Terrorismo buono e terrorismo cattivoultima modifica: 2012-03-23T17:45:00+01:00da ereticus3
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento