GIOSTRA COMUNALE…ALTRO GIRO…ALTRA CORSA

17626508_1339509742797832_3656571262027083762_nGli effetti delle decisioni della Giunta Sbrocca sono da sconsigliare vivamente ai cardiopatici, anche se spesso mettono di buon umore. Leggendo alcuni atti amministrativi adottati da questa amministrazione si passa repentinamente dal genere fantascienza, a quello giallo per poi passare all’avventura ecc….Per questi motivi (mea culpa) periodicamente, legittimato dalla normative vigenti, ho la necessità di chiedere alla Struttura Tecnica copie di documenti e/o chiarimenti. Documenti e chiarimenti che tardano (eufemismo) ad essere mostrati, 17626637_1339509982797808_8826918181611949388_nnonostante trascorrono svariati mesi. Esempio: Il Responsabile della comunicazione del comune di Termoli ha redatto un progetto (Masterplan) propedeutico all’indizione di una/due gare in cui esito è ancora IGNOTO. Considerato che, per quanto mi costa, il comune ha nel suo organico solo un addetto stampa iscritto all’albo dei pubblicisti e non a quello dei professionisti e per questi motivi impossibilitato a ricoprire incarichi “dirigenziali” ho chiesto al Segretario Generale di conoscerne l’identità. Sono ancora in attesa di risposta. Lo stesso Segretario Generale con due determinazioni, per la disamina delle domande pervenuta (Masterplan), prima nomina e poi rettifica la commissione giudicatrice stabilendo che il ruolo di presidente sia ricoperto oltretutto, da un dipendente comunale. Può un dipendente comunale che non ricopre un ruolo apicale ricoprire questo ruolo. DECISAMENTE NO. E’ sufficiente leggere l’art 107 del TUEL e il regolamento per la disciplina dei contratti adottato dal comune di Termoli per capire che quel ruolo può essere ricoperto solo da una figura Dirigenziale. Dopo quasi 3 di amministrazione devo constatare che le attenuanti e le giustificazioni sono TERMINATE. E adesso? S’ha da aspetta’ …Ha da passà ‘a nuttata

Ciro Stoico

GIOSTRA COMUNALE…ALTRO GIRO…ALTRA CORSAultima modifica: 2017-03-29T11:06:00+02:00da ereticus3
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento