Pesca, stato stock Mediterraneo: Alleanza Cooperative chiede rilancio politica gestione e investimenti in ricerca

Pesca in mareLITORALE – Se la situazione degli stock nel Mediterraneo è quella espressa dal Commissario Damanaki, occorre un intervento urgente per rilanciare la politiche di gestione della pesca italiana e per dare un futuro a imprese e lavoratori impegnati nel produrre un tassello importante dell’agroalimentare italiano”. Lo afferma preoccupata l’Alleanza delle Cooperative italiane nel commentare i dati emersi nella relazione della Commissione Ue sullo stato degli stock ittici e sul processo di fissazione dei contingenti di pesca per il prossimo anno, che evidenziano un grave sovra sfruttamento nel Mediterraneo, in contrasto con quanto avviene nell’Europa settentrionale e occidentale dove le risorse sono in fase di ripresa. “Una situazione che impone di portare al centro dell’agenda di governo il settore. Occorre investire di più in ricerca per consentire una pesca sostenibile da un punto di vista sociale, economico e ambientale” sottolinea l’Alleanza nel chiedere che le decisioni vengano prese, però, partendo da dati scientifici inconfutabili. “Lo stato delle risorse nel Mediterraneo è stato valutato su circa il 20% del prodotto pescato. Troppo poco – conclude l’Alleanza -, soprattutto se confrontato a quanto è stato fatto ad esempio per l’Atlantico, per far sì che si possa dire che la situazione è disastrosa. Non vogliamo che ancora una volta passi il principio precauzionale”.

Pesca, stato stock Mediterraneo: Alleanza Cooperative chiede rilancio politica gestione e investimenti in ricercaultima modifica: 2014-06-30T13:28:25+02:00da ereticus3
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento