Tagli alle poste, proclamati scioperi

Poste.jpgCAMPOBASSO – Sui tagli alle Poste i sindacati Cisl poste, Slc-Cgil e Failp-confsal, hanno preparato il calendario delle assemblee dei prossimi giorni. Inoltre le organizzazioni sindacali hanno fissato le date degli scioperi: dal 14 settembre al 13 ottobre ci sarà il blocco delle prestazioni straordinarie, mentre il 12 ottobre ci sarà una grande manifestazione nazionale a Roma.

 “Abbiamo ritenuto – dice il segretario territoriale della Cisl Slp Antonio D’Alessandro – che l’attuale gestione dell’Azienda da parte del management imperniata prevalentemente sul contenimento dei costi attraverso tagli indiscriminati (soprattutto del personale) e priva di un solido progetto di crescita e di sviluppo industriale metta in pericolo i livelli occupazionali e, nel medio periodo, la stessa solidità aziendale. Inoltre la Cisl poste, unitamente alla Slc-Cgil e alla Failp-confsal, è fortemente preoccupata per le notizie che quotidianamente si leggono sui giornali di un possibile scorporo del BancoPosta e quindi della perdita dell’unicità aziendale.  Cisl poste, Slc-Cgil e Failp-confsalda sempre hanno combattuto lo spacchettamento dell’Azienda perché che trasformare BancoPosta in una delle tante banche avrebbe due effetti negativi: toglierebbe la parte aziendale più remunerativa e contemporaneamente trasformerebbe Bancoposta in una delle tante banche, che sarebbe presto imbrigliata e ridimensionata dall’agguerrita concorrenza. Oggi la nostra forza è proprio quella di svolgere servizi finanziari senza essere una vera banca, e poter così lucrare su questa forte diversità, anche sul piano dei costi complessivi. Lo spacchettamento e l’omologazione – conclude D’Alessandro – porterebbero al nostro inevitabile ridimensionamento per quel che riguarda la parte finanziaria e un inevitabile declino per quel che riguarda i servizi postali con conseguenze inaccettabili sul piano occupazionale”.

Tagli alle poste, proclamati scioperiultima modifica: 2012-09-11T05:49:00+02:00da ereticus3
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento