Capitalismo e Socialismo Nazionale

bandiera con fiocco.jpgLa crisi mondiale, quella Europea e quella italiana fanno parte di un’unica situazione che a sua volta è il frutto dello sfrenato sviluppo del capitalismo finanziario selvaggio basato sulla speculazione e sull’usura. Se nel 1945 la guerra fosse stata vinta dalle potenze dell’Asse anziché dalla coalizione giudaicomassonica-capitalista, oggi non saremmo nella situazione drammatica in cui ci troviamo perché il Fascismo ed il Nazionalsocialismo avevano trovato il modo di governare l’economia promuovendo lo sviluppo e la libera impresa senza lasciare mano libera alla speculazione finanziaria che guadagna senza produrre, arricchisce se stessa ed impoverisce le Nazioni e non ha alcuna regola nè di solidarietà, nè di umanità a temperare la propria ingordigia!

 

Due riprove indirette di quanto affermiamo: La Germania è senza alcun dubbio la nazione meno compromessa dalla crisi nonostante abbia dovuto subire il trauma economico della riunificazione, ma in Germania, sin dal dopo guerra, vige un sistema di pseudo socializzazione delle aziende che investe tutte quelle imprese, da medie a grandi, che sono al di sopra di un certo numero di dipendenti e nelle quali un terzo della proprietà è in mano ai dipendenti che così, oltre a condividere gli utili e ad avere una coincidenza di interessi con la proprietà, partecipano alla gestione in quanto presenti di diritto nei consigli di amministrazione. Non ci vuole un genio per capire come le difficoltà di gestione siano così appianate e come i potenziali contrasti si trasformino in sinergie con un enorme guadagno per il buon andamento delle aziende, per gli stessi utili e per la capacità di restare sul mercato della concorrenza mondiale! In Argentina, dopo il fallimento dello Stato a causa di una gestione irresponsabile e criminale della classe politica post Peronista, moltissime aziende di medie e grandi dimensioni sono state prese in gestione dai dipendenti e si sono sviluppate con successo e con buoni utili tanto che oggi il PIL del Paese cresce del 7%- 9% all’anno! Al di là delle fumose chiacchiere sul principio del libero mercato che dovrebbe autoregolarsi e produrre un equilibrio virtuoso per tutti, i fatti sono che questo, soggiacendo alla speculazione del capitalismo finanziario ha prodotto la crisi che viviamo mentre la socializzazione l’ha frenata o neutralizzata! A fronte delle teorie liberiste che cozzano contro la realtà dei fatti, i fatti concreti di esperienze reali che dimostrano da quale parte stia la ragione! Per non parlare poi della gestione proprietaria del proletariato di Stato che abbiamo visto collassare miseramente nell’impero sovietico. Perciò, grazie all’antifascismio, grazie al comunismo, grazie ai “liberatori” e grazie a tutti i coglioni che si erano illusi e che non avevano capito niente se oggi dobbiamo affrontare questo periodo di lacrime e sangue che non sappiamo che sbocco possa avere, ma che di sicuro ci procurerà un mondo più iniquo, una più grande ingiustizia sociale con i ricchi più ricchi ed i poveri più poveri! Grazie e che gli Dei vi stramaledicano…!!!

 

Alessandro Mezzano

 

Capitalismo e Socialismo Nazionaleultima modifica: 2011-11-03T06:55:00+01:00da ereticus3
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento