Una pioggia di soldi sul “Macte”

1Ormai giunti sulla soglia del terzo anno di amministrazione Sbrocca non possiamo esimerci da attribuirle il merito di aver risvegliato nei cittadini la voglia di scendere in campo e rivendicare il diritto di decidere le sorti della propria città o del proprio quartiere ed esprimere il proprio consenso o dissenso nei confronti delle scelte intraprese. Una discesa in campo più dettata dall’inerzia dei propri rappresentati, seduti alla Sinistra del “padre” amministrativo con un’unica casacca (PD), schiaccianti al cospetto di uno sparuto numero di consiglieri di minoranza. L’ultimo comitato in ordine cronologico ad intervenire è quello di Piazza Mercato a cui esprimo tutta la mia vicinanza, in risposta al consigliere Di Tella. Una risposta che si fonda sulla responsabilità altrui per quello che è un merito “a suo dire” per quello che sarà. Evitando citazioni, anche se il conte Raffaello Mascetti sarebbe indicato, per il solo fine di evitare di entrare nella schiera degli illuminati “a suo dire” ,vorrei soffermarmi sulla dichiarazione fatta sulla Galleria civica : forse non sanno, i membri del Comitato, che questa Amministrazione ha aperto un volume destinato agli spazi culturali: il Macte, che la vecchia amministrazione ci ha consegnato pieno di problemi e con incredibili infiltrazioni di acqua piovana all’interno. Sull’incredibile infiltrazioni mi auguro che l’Amministrazione Sbrocca abbia attivato il Settore Tecnico e l’Ufficio legale per individuare le cause e agire legalmente sulla ditta esecutrice considerato che l’opera non viene ancora formalmente “inaugurata” ma utilizzata occasionalmente. Quanto costa a noi cittadini la scelta di trasformare un Auditorium in un Museo considerato che la città era già dotata di una Galleria Civica? . Proviamo a fare due conti: 6.500 euro per ulteriori spese tecniche; 400 euro per parere VV.FF; 58.000 euro per il progetto inerente e propedeutico al rilascio del certificato di prevenzione incendi; 100.000 euro previsti per il 2017 (elenco annuale) per lavori di edilizia e allestimenti; 200.000 previsti per il 2018 e 300.000 previsti per 2019 per gli stessi motivi come si evince dalla programmazione triennale dei lavori pubblici; oltre 660.000 euro quasi il costo dell’opera stessa….
Sulla scorta di questi dati, quali sono le considerazioni a cui possono giungere questi illuminati cittadini? Siamo di fronte ad un bisogno o ad uno sghiribizzo di un’Amministrazione sempre più distante dalla cittadinanza….

Ciro Stoico

P.S. Prossimamente affronteremo la questione del “video” mai trasmesso è costato 3000 euro tenuto conto delle ulteriori informazioni giunte direttamente dalla campagna elettorale e dall’Illu.mo maestro Achille Pace.

Una pioggia di soldi sul “Macte”ultima modifica: 2017-04-23T12:24:38+00:00da ereticus3
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento