Il divieto di balneazione…….che non c’è!

1Cosi come disposto dal D.lgs 30 Maggio 2008, n.116 e dalla delibera di Giunta Regionale 23 Marzo 2016, n. 113 la stagione balneare ha inizio il 1 maggio di ogni anno solare e termina il 30 settembre. E’ fatto obbligo ai sindaci, tra le altre cose, di segnalare PRIMA DELL’INIZIO DELLA STAGIONE BALNEARE, le acque non adibite alla balneazione e permanentemente vietate ricadenti nel proprio territorio. Per quel che riguarda il Comune di Termoli l’elenco delle acque non adibite alla balneazione è il seguente:
21. Nel raggio di 20 metri dalla foce del torrente Sinarca;
2. Entro i 100 mt. dall’imboccatura e dalle opere foranee del porto di Termoli;
3. Nel raggio di 20 mt. dalla foce del torrente Rio Vivo;
4. Nel raggio di 20 mt. dalla foce del torrente Rio Sei Voci;
5. Nel raggio di 250 mt. dalla foce del fiume Biferno.
Dalle foto allegate, scattate oggi e cioè a distanza di un mese dall’inizio della stagione balneare e con il primo caldo fine settimana che ha agevolato l’invasione delle spiagge termolesi da parte di famiglie e bambini, dei cartelli che dovrebbero indicare il divieto di balneazione non vi è traccia.
A seguito del consiglio comunale del 28-05-2016 in cui è stato approvato il bilancio di previsione 2016-2018 e leggendo le dichiarazioni fatte da alcuni esponenti della Giunta Sbrocca e della maggioranza consiliare una cosa appare ancor più chiara che mai e cioè che l’auspicio 3dell’attuale amministrazione è quello di “consegnare a fine mandato una città con delle peculiarità diverse rispetto a quelle trovate quando si è insediata”.
E’ evidente che l’enorme sforzo amministrativo/politico/visionario in materia sia di opere pubbliche che di urbanistica profuso dall’amministrazione Sbrocca in chiave futura ha deviato anche le energie che dovrebbero essere impiegate nel presente, che riguardano la salute e la sicurezza dei cittadini termolesi.

Andrea Salome & Ciro Stoico

Il divieto di balneazione…….che non c’è!ultima modifica: 2016-05-29T20:48:36+02:00da ereticus3
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento