Consiglio comunale del……”06 maggio 2016” Atto II

1Tra i punti all’ordine del giorno discussi nel Consiglio Comunale tenutosi il 06 maggio scorso al punto 4° vi era la proposta di Riconoscimento debiti fuori bilancio derivanti da sentenze esecutive, il cui totale ammonta a 149.841,46 euro. La proposta di deliberazione prima di approdare in Consiglio, come previsto dalla normativa è stata trasmessa al Collegio dei revisori dei conti che, esaminata la documentazione allegata, esprime un parere sulla legittimità del debito. Dai verbali redatti dai membri del Collegio dei Revisori emergono però delle CRITICITA’. Si 2evince che i debiti fuori bilancio da sottoporre al Consiglio comunale per il riconoscimento ammontavano in precedenza a 223.736,01 euro (lettera a ed e) . Domanda: perché sono stati stralciati circa 70.000 euro, passando da 223.736 euro a 149.841 euro? Risposta: il Collegio ha evidenziato che di questi 70.000 euro “ non viene data dimostrazione della accertata e dimostrata utilità ed arricchimento per l’Ente” e per questi motivi ne richiedono ulteriore documentazione, pena parere SFAVOREVOLE . I Dirigenti proponenti hanno optato per lo “stralcio” . Anche sul debito residuo il Collegio dei Revisori ha espresso forti criticità e ha invitato “il Consiglio a sollecitare una verifica sulla eventuale esistenza di situazioni di responsabilità erariali di terzi”.
Sono mesi che denunciamo le grosse difficoltà che vive l’Ufficio Legale, con a capo il Segretario Generale Vito Tenore. Ufficio che non riesce ad ottemperare alle sentenze esecutive nonostante, dalla notifica della stessa, avesse 120 giorni di tempo disponibili, determinando di fatto un danno per le casse comunali (Precetto e Pignoramento).
Infine il fatto che i Dirigenti non abbiamo apportato nuova documentazione riguardante i 70.000 euro lo ritengo un fatto GRAVE , invece lo stesso fatto di averli presentati un fatto GRAVISSIMO.

Stoico Ciro.

Consiglio comunale del……”06 maggio 2016” Atto IIultima modifica: 2016-05-10T06:54:59+02:00da ereticus3
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento