L’avv. Francesco De Robertis dello studio …..”Pappalepore”

10570401_1706401469597329_117084050972093520_nIl Segretario Generale Vito Tenore nella veste di Dirigente al Servizio Legale, vesti che a mio avviso non può indossare, con un atto amministrativo, Determinazione n 2061 del 30/12/2015 ha liquidato le competenze all’avv. De Robertis per aver difeso l’Ente contro il ricorso presentato dalla ditta Halley Sud Est. L’onorario lordo liquidato è 9.528,13 euro. Per verità di cronaca, il ricorso della Halley è stato respinto, ma il Tribunale comunque ha 10672046_1706401556263987_6817020954133731063_ncompensato tra le parti le spese di giudizio. Si legge nella sentenza che un atto amministrativo è stato consegnato dall’Ente 4 mesi dopo. E’ opportuno SOTTOLINEARE che l’avv. De Robertis nelle varie udienze è stato sostituito dall’avv. Vito Aurelio PAPPALEPORE(legittimato). Si l’avv. Vito Aurelio PAPPALEPORE, lo stesso che ha richiesto al comune di Termoli una parcella di oltre 9 MILIONI di euro. Nelle numerose delibere di giunta che affidano i mandati all’avv. De Robertis, per la difesa dell’Ente, l’ impegno di SPESA in alcuni casi è provvisorio in altri non viene proprio assunto, tant’è che nella Determinazione sopra menzionata si legge che l’impegno di spesa è stato assunto con determinazione dirigenziale n 176 del 23/12/2015 successiva al mandato (delibera di giunta n 30 del 12/02/2015). Segretario Generale Vito Tenore la D.D n 176 del 23/12/2015 ESISTE? Sono PIENAMENTE convinto di NO, inoltre lo 0,04% di 7509,56 è 300,98 euro ? CREDO proprio di NO. Questo atto amministrativo è l’ennesima riprova dalla “superficialità” di questa Amministrazione incapace di compiere anche piccoli atti. Infine è vergognoso che una delibera di giunta del 12/02/2015 non possa essere consultata sul sito del comune, nonostante sia passato un anno dal passaggio tra la vecchia e la nuova piattaforma software.

Ciro Stoico

L’avv. Francesco De Robertis dello studio …..”Pappalepore”ultima modifica: 2016-01-05T12:43:45+01:00da ereticus3
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento