Registro tumori, il consigliere Ragni: “Attuarlo al più presto”

registro.jpgTERMOLI.- Da qualche tempo si è tornati a parlare dell’attuazione del registro dei tumori ma in vano. I mesi passano così come gli incontri pieni di chiarimenti e buoni propositi e nulla più se non promesse. Ora torna allo scoparto il consigliere comunale di maggioranza il quale chiede la sollecita attivazione del registro.

Ormai – inizia Ragni – da più parti si sollecita la concreta attuazione del Registro tumori nella nostra Regione. Personalmente l’ho fatto, prima tramite il movimentismo civico e poi, come consigliere al Comune di Termoli, anche attraverso mozioni di cui sono stato primo firmatario, sin dal 2010, approvate in Consiglio all’unanimità. Da ultimo, su sollecitazione mia, del consigliere Miele e di altri consiglieri della sesta Commissione, il nostro Sindaco ha chiesto per iscritto alla Regione Molise quale sia la situazione attuale in ordine al tema del Registro tumori. La verità è che non si può più attendere, non si può più tergiversare, anche avendo riguardo al fatto che una volta partito concretamente il Registro tumori, sono necessari alcuni anni affinché tale strumento dia i primi significativi risultati. Dica allora l’attuale Amministrazione regionale cosa ha fatto, a far tempo dal suo insediamento, e cosa farà per velocizzare al massimo la concreta attuazione del Registro tumori. Cosa ha fatto e cosa intende fare, per quanto di sua competenza, per la tutela dell’ambiente, nonché in ordine all’adozione di strumenti e misure di controllo e di prevenzione dell’inquinamento atmosferico e delle acque. I cittadini termolesi e bassomolisani  – conclude Ragni – sono stanchi di aspettare risposte al sempre crescente diffondersi di patologie tumorali che, è inutile nasconderselo, hanno raggiunto livelli allarmanti, anche in considerazione dell’esigua estensione del territorio dello stesso basso Molise”.

Registro tumori, il consigliere Ragni: “Attuarlo al più presto”ultima modifica: 2013-10-31T07:59:00+01:00da ereticus3
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento