Arrestato in flagranza un cittadino rumeno per furto aggravato

arresto rumeno.jpgTERMOLI – I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Termoli unitamente a quelli della Compagnia di Larino nelle scorse notti hanno effettuato una operazione di contrasto ai furti che ha portato all’arresto di un cittadino rumeno di 26 anni, G.M.I., senza fissa dimora.

 L’operazione è scattata dopo che era stato segnalato il furto in atto presso il bar di un distributore di benzina in San Martino in Pensilis (CB): immediatamente i militari si sono messi alla ricerca dei malfattori e,  sulla SS 16 tra Termoli e Campomarino, un’autoradio della Compagnia di Termoli ha intercettato un furgone bianco e una Fiat Panda che, alla vista dei militari, hanno cercato di seminare i Carabinieri. L’inseguimento verso sud è durato per alcuni chilometri, fino a poco prima del confine di regione, quando la pattuglia è riuscita a costringere il furgone a fermarsi e successivamente trarre in arresto l’autista del mezzo. La Fiat Panda sfuggita all’inseguimento è stata intercettata da una pattuglia del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di San Severo: gli occupanti però riuscivano a dileguarsi  nell’oscurità dei campi circostanti. Le ricerche sono continuate fino a mattino inoltrato con esito negativo ed hanno visto impegnati anche i militari della Compagnia di Larino giunti a dar man forte ai colleghi di Termoli; sono state battute anche aree  in territorio della provincia di Foggia. Il ragazzo fermato è stato dichiarato in arresto, sono stati recuperati il furgone e la Fiat panda rubati nei giorni scorsi in Abruzzo, e la refurtiva consistente in bottiglie di alcolici asportate dal Bar. Sul mezzo sono stati rinvenuti attrezzi da scasso (tagliacavi, mazze ferrate, Scalpelli di grosse dimensioni) nonché due passamontagna. Il giovane è stato tradotto presso il carcere di Larino a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

 

Arrestato in flagranza un cittadino rumeno per furto aggravatoultima modifica: 2012-10-31T09:39:00+01:00da ereticus3
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento