COSA NOSTRA

cosa nostra.jpeg

Così come la mafia, quando parla degli affari che la riguardano dice “Cosa Nostra”, anche il Sig. Cavaliere Silvio Berlusconi potrebbe dirlo quando progetta la gran parte delle leggi che il “Suo” ( ne è il padrone e tutti gli effetti ) Parlamento emana per conto suo a protezione della sua libertà personale e dei suoi affari.

E veniamo a spiegarci con un esempio eclatante che, come tutti gli esempi, vale più di mille discorsi. Come tutti sanno la casa editrice Mondadori, seppure ottenuta con metodi fraudolenti come dimostra una sentenza passata in giudicato che certifica la corruzione del giudice incaricato dell’assegnazione da parte di Previti, per conto di Berlusconi, è di proprietà di Berlusconi Silvio, attuale presidente del Consiglio dei ministri. Per questa vertenza, la Mondadori deve pagare alla Rizzoli, cui la Mondadori fu fraudolentemente sottratta, la somma forfettaria di € 750.000.000 In coerenza poi con le affermazioni di Berlusconi che dice di pagare sempre tutte le tasse, la sua ditta ( Mondadori ) deve al fisco italiano, per tasse arretrate e non pagate, la somma di 350 milioni di Euro che essa insiste a non voler pagare. Certo non è una somma da poco e dispiacerebbe a tutti, compreso Berlusconi, doverla sborsare ed allora cosa si escogita nella logica appunto di considerare il Paese ed il suo Parlamento “Cosa nostra”? Ma è semplice, come al solito basta ordinare ai servi che siedono in Parlamento di fare una apposita legge su misura che ripiana la quasi totalità delle pendenze fiscali che le case editrici hanno con lo Stato. Senza tediare sulle conseguenze generali di una legge siffatta che beneficerà tante case editrici per salvarne una sola ( così come l’abbreviazione dei tempi di prescrizione dei reati e prossimamente il processo breve beneficiano miglia di delinquenti per favorirne uno solo ) il risultato pratico è che la casa editrice Mondadori dovrà pagare al fisco italiano la somma di 8,6 milioni di Euro anziché quella di 350 milioni di Euro. Un bello sconticino che i normali cittadini, che dovrebbero essere uguali alle ditte con personalità giuridica, di fronte alla legge, non si sognano nemmeno mai di ottenere ..!! La cosa è passata un po’ in sordina perché l’attenzione è oggi tutta rivolta alle beghe da portineria tra Berlusconi, Fini Iscariota, Casini e Bossi e naturalmente i giornali, che sono emanazione di case editrici, hanno sorvolato sulla questione. Gli Italiani sono tutti presi a cercare di capire quanti “Finiani” siano recuperabili e comprabili, quanti neo democristiani siano abbastanza incavolati da boicottare il governo, se Tremonti resterà fedele più a Berlusconi o più a Bossi quale sia stata l’influenza di Elisabetta Tulliani sulla compravendita della casetta a Montecarlo dove abita il suo amato fratellino, e non hanno tempo da dedicare a questioncelle come una leggina “ ad aziendam” che rientra poi nella prassi normale della conduzione berlusconiana, anche se questa svuota loro le tasche ..!! Gira e rigira, caschiamo sempre a considerare quanto spesso resti incinta la madre dei cretini …

Alessandro Mezzano

COSA NOSTRAultima modifica: 2010-09-02T05:06:10+02:00da ereticus3
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento