IL BRIGANTAGGIO

b25de14aa4535b4a418900516a959c2c.jpg   I VARDARELLI

 

Chi erano i Vardarelli?

I Vardarelli vennero così denominati, perché alcuni dei loro capi, specie i germani di Gaetano avevano l’industria di fare basti e barde, dette volgarmente “varde”, questo soprannome si estese a tutta le famiglia e poi anche ai loro settari, facendo così la celebre “banda Vardarelli”.

Il vero cognome dei capi era De Martino, nativi di Celenza Val Fortore e domiciliati in Castelnuovo della Daunia, in provincia di Foggia. Essi atteggiandosi a protettori dei miseri contadini, dai quali nulla potevano prendere, si mostravano prepotenti, rapaci, vendicativi, specie contro i ricchi.

Per liberare le oppresse popolazioni, soprattutto quelli dei mandamenti di Termoli, Guglionesi e Palata, ove più spesso si aggiravano: Nazario Campofreda, nella qualità di sindaco di Portocannone e di comandante della Guardia Civica Provinciale, formò una colonna mobile di guardie e diede la caccia ai malfattori. Ma sventuratamente ciò ebbe a costargli la vita, perché la sera del 24 settembre 1813, tornando a cavallo dalla campagna, fu ucciso a fucilate. Però l’8 aprile Gaetano Vardarelli, con i due fratelli Giovanni e Geremia e altri della comitiva, furono fucilati a Ururi e i rimanenti sterminati a Foggia. La banda brigantesca Primiani, che sorse dopo e scorrazzava tra i tenimenti di Setacciato, Guglionesi e Termoli, fu distrutta dal maggiore Barbavara, lombardo, comandante di un battaglione di bersaglieri di stanza a Termoli.

IL BRIGANTAGGIOultima modifica: 2008-07-17T20:25:00+02:00da ereticus3
Reposta per primo quest’articolo

5 pensieri su “IL BRIGANTAGGIO

  1. Mi chiamo Renato Campofreda,e discendo direttamente da Nazario Campofreda,menzionato.Pur apprezzando la narrazione delle vicende sui Vardarelli,voglio precisare,che il loro cognome era Meomartino,e che furono uccisi in Ururi,dal Tenente Nicola Campofreda,del Reggimento Milizie del Molise,nel 1818. Per questa impresa,il Re concesse al suddetto Nicola il grado di Capitano dello stesso reggimento.Cordiali saluti.Renato Campofreda.

Lascia un commento