LA SACRA DEL PESCE

L’ulti67417a274a3593da3e0dfad78af84249.jpgma domenica di agosto si svolge la manifestazione della SAGRA DEL PESCE nel piazzale dinanzi al mercato ittico, ed accende impeti di allegria fino a quando palmizi pirotecnici chiudono la festa a notte fonda. Sin dal presto pomeriggio una grande padella inizia a far scoppiettare l’olio finissimo delle ubertose colline molisane. Giovinette in camice bianco, con gli occhi rivolti nella padella hanno tra le mani un’asta di legno alla cui estremità trovasi un cestello di rete per togliere a giusta cottura le squisite triglie (agostinelle) dell’Adriatico. Lunghi banchi colmi di vassoi confezionati, e graziose fanciulle figlie di pescatori, distribuiscono alla folla festosa, che s’affretta ad accaparrarsi il tavolo vicino al birraio, mentre l’orchestra intona canzoni. Al tutto fanno cornice i due bracci del molo illuminati, chiudendo così lo specchio d’acqua e formando una grande padella. Tutte le finestrelle del borgo marinaro sono adornate di lampioncini veneziani con colori fantasmagorici. A tarda ora iniziano a scoppiettare girandole e fontanelle poste su chiatte a mare, ed illuminano il cielo bombe dai colori argento, carminio e cobalto nel formidabile finale che sembra far cadere le case del borgo.

 

LA SACRA DEL PESCEultima modifica: 2008-07-12T16:25:00+02:00da ereticus3
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento